BeC S.r.l.
Servizio -> Approfondimenti
Storia del Prodotto Cosmetico


La parola cosmetico deriva dal greco Kosm tikos che significa "che ha il potere di sistemare" o " abile nel decorare". Da questo derivano le parole kosmein (adornare) e kosmos (ordine, armonia), a quest'ultima il significato attuale di "universo" è stato attribuito dagli antichi dall'osservazione del suo perfetto ordine.

La storia dei cosmetici corre parallela alla storia dell'uomo, associata come è sin dalle sue origini alla pesca, alla caccia, alla superstizione e, più tardi, alla medicina e alla farmacia.



Circa 30.000 anni fa l'uomo primitivo usava i colori per pitturare le caverne e per decorare il proprio corpo per protezione, sia allo scopo di mimetizzarsi che di incutere timore nel nemico, animale o uomo che fosse.

I Pitti, una tribù del Nord della Scozia (vivevano ancora lì nel 1000 AC) erano chiamati così dai Romani dalla parola latina pictus, dipinto. Usanze simili erano ancora in uso molti anni più tardi e fanno parte della cultura di alcune tribù primitive anche oggi. Gli Indiani d'America erano soliti decorarsi il corpo con colori di guerra brillanti, gli attori Cinesi e Siamesi di oggi usano il blu, il verde, l'ocra, il rosso e il bianco per rappresentare spiriti e demoni nelle loro rappresentazioni teatrali. Nelle civiltà orientali primitive i cosmetici ed i legni ed oli aromatici erano abbondantemente usati nelle pratiche religiose, in India, Cina ed Egitto alcune di queste sono ancora in vigore.

Gli Egiziani erano un popolo allegro che amava la vita al punto di essere seppelliti con alcuni possedimenti dopo la morte in modo da poter mantenere il proprio stile di vita nel dopo-vita. Perfino nell'era pre-dinastica (prima del 3000 AC), semplici tombe conservate nell'ambiente secco del deserto portano evidenza dell'uso del trucco sul viso. È possibile dedurre l'uso di malachite e galena per pitturarsi gli occhi e di ocra rossa per dipingere il viso. Alcuni raffinati vasi di alabastro che servivano da contenitori per unguenti sono stati rinvenuti in tali tombe. La regina Etefora (madre di Cheope) portò nel proprio sepolcro trenta vasi di alabastro e un grande scrigno di rame contenente un beauty case. Questo conteneva sette giare di tradizionali unguenti profumati e una giara di carbone. A quei tempi le donne si dipingevano la linea inferiore dell'occhio di verde con la malachite, una pittura a base di carbonato di rame, e le palpebre, ciglia e sopracciglia di nero con il carbone. Queste polveri erano rese fini su piatti di pietra o di metallo, quindi applicate sugli occhi con un dito bagnato di acqua. Più tardi la pittura verde per gli occhi fu riservata ai rituali religiosi in cui si facevano offerte alla divinità, e fu sostituita nell'uso ordinario da carbone applicato attraverso un bastoncino d'avorio. Altre pitture per gli occhi erano fatte con ossidi di rame e ferro e ci sono anche evidenze che le donne si colorassero le guance e le labbra con rosso ocra (ossido di ferro rosso).


Gli Egiziani amavano le sostanze aromatiche e le usavano nei templi per profumare il santuario nel quale avvenivano le offerte di cibo e bevande, nella preparazione degli abiti durante il processo di imbalsamazione del morto, oltre che a scopo estetico durante la vita.

Nonostante sia difficile anche con le tecniche moderne identificare tali sostanze profumate dai residui ritrovati, è noto che gommo-resine, oleo-resine e legni profumati erano disponibili a quel tempo. Questi venivano ridotti in piccoli pezzi e gettati in mezzo alle ceneri incandescenti per liberarne le sostanze aromatiche. Tali sostanze volatili erano spesso utilizzate per purificare l'aria, ad esempio durante la cerimonia al dio Iside era tradizione sacrificare una capra. L'odore della carne bruciata era così devastante che i cerimonieri trovarono necessario riempire la carcassa con gomme ed oli aromatici che, venendo volatilizzati, migliorassero l'aria. Da questo è chiara l'origine della parola "profumo" (dal latino per fumen che indica un aroma liberato con il fumo di una sostanza odorifera bruciata) che è simile all'origine della parola "incenso", dal latino incensum (cosa bruciata). I profumi erano della massima importanza durante le processioni religiose nell'Antico Egitto, nessun re è mai stato incoronato senza essere stato unto con oli aromatici dai sacerdoti. È probabile che i sacerdoti preparassero loro stessi la maggior parte degli oli aromatici e degli unguenti ed erano pertanto molto stimati come i profumieri del loro tempo, che conservavano i segreti di un'arte misteriosa. Probabilmente l'uso più importante degli oli aromatici e delle essenze avveniva nella mummificazione. La credenza tradizionale che il corpo si fosse dovuto conservare per poter rivivere dopo la morte portò allo sviluppo di metodi di imbalsamazione molto efficaci tra l'inizio del periodo dinastico e l'era Cristiana. Gli imbalsamatori del Vecchio Regno (fino alla 10° dinastia) non erano capaci di conservare i tessuti corporei per molto tempo, ma con il Regno Medio, intorno alla 11° dinastia (2000 AC), la tecnica era notevolmente migliorata. I corpi venivano rapidamente essiccati con natron anidro, un sale naturale composto da carbonato di sodio e cloruro o solfato di sodio, quindi la superficie della pelle veniva rivestita con resine aromatiche ed il corpo era avvolto in un telo di lino. Non veniva praticata nessuna eviscerazione, ma un'oleoresina simile alla trementina veniva iniettata nell'ano per sciogliere gli organi. Un grado di conservazione ancora migliore fu ottenuto nel Nuovo Regno (1570-1070 AC), quando gli organi interni vennero eviscerati e posti in natron, trattati con resina bollente, avvolti in bende e posti in quattro distinte giare. La cavità lasciata nel corpo veniva lavata con vino di palma e spezie e riempita con un materiale provvisorio, quindi l'intero corpo veniva posto in natron per 40 giorni, trascorsi i quali veniva lavato nelle acque del Nilo. Il cranio veniva, allora riempito con bende di lino imbevute di resine e la cavità del corpo veniva riempita con sacchi di lino contenenti mirra e imbevuti di resina. La superficie esterna del corpo veniva spalmata di una miscela di olio di cedro, cera e gomme, quindi cosparsa di spezie. Dopo aver riempito il naso e le orbite degli occhi con panni di lino, l'intero corpo veniva rivestito da una resina fusa per chiudere i pori. Il processo di imbalsamazione era probabilmente terminato entro il 52° giorno successivo alla morte. Quando la mummia di Ramsete V fu ritrovata profumava ancora di spezie. Nel 1973 le resine prelevate dalla mummia furono analizzate e si scoprì che erano composte da olio di ginepro, olio di canfora e la gommo-resina mirra. L'imbalsamazione continuò attraverso l'epoca dei Romani fino all'era Cristiana, quando cadde in disuso, insieme alla pratica di bruciare l'incenso, in quanto venne considerata una pratica Pagana.

A parte la mummificazione, ci sono ampie evidenze provenienti dai papiri che gli egiziani benestanti non solo usassero truccarsi il viso, ma si profumassero corpo e capelli con oli aromatici ed unguenti. Il clima estremamente secco rendeva necessario applicare frequentemente qualcosa per ammorbidire il viso e le mani. Inoltre nei tempi antichi il sapone per lavare il corpo era sconosciuto, pertanto gli oli e gli unguenti erano degli efficaci detergenti usati anche per motivi igienici, grazie all’attività antibatterica di molti oli essenziali.

Sia gli uomini che le donne erano soliti truccarsi. Il colore di moda era il giallo: un pezzo di lino inzuppato in una sospensione di ocra gialla veniva applicato sulla faccia, il collo e le braccia. Sia gli uomini che le donne si radevano le sopracciglia e poi se le disegnavano, lunghe e nere e sottili, appena sopra la linea naturale. Il colore nero delle sopracciglia probabilmente serviva da protezione contro il bagliore del sole. La maggior parte dei cosmetici erano fatti in casa, ma le materie prime venivano vendute nei negozi ed erano commerciate con gli Assiri, i Babilonesi, i Persiani e i Cretesi. Alcuni legni e resine venivano dall'Arabia, dall'India e dalla Cina.

I Sumeri, secondo Erodoto (500 AC), si pitturavano la faccia con piombo bianco e rosso vermiglio. Sia gli uomini che le giovani donne si arricciavano i capelli e li profumavano con oli. Si mantenevano morbida la pelle con la pietra pomice ed utilizzavano oli profumati per il corpo. Le donne erano solite massaggiarsi il corpo con una mistura di incenso, cedro e cipresso in acqua. Quando si sciacquavano il giorno seguente il corpo rimaneva morbido e vellutato.

I cosmetici erano evidentemente utilizzati dai popoli Ebraici, secondo il Vecchio Testamento. Usavano incenso e fragranze per i riti religiosi e le cerimonie politiche e si ungevano il corpo per motivi estetici. Gli Assiri ed i Babilonesi facevano uno smodato uso di profumi e nonostante li producessero loro stessi erano costretti ad importare incenso ed altre fragranze dall'Arabia. L' India ebbe un codice medico sin dal 1000 AC nell'Ayurveda e utilizzò le materie prime naturali della propria terra in medicina, nelle cerimonie religiose e per uso estetico per alleviare il rigore del clima caldo. La pratica di colorarsi le piante dei piedi, le unghie ed i palmi delle mani era molto in voga e profumi molto intensi venivano usati in abbondanza, soprattuto oli per il corpo al profumo di sandalo. Le donne si dipingevano il viso rappresentando il sole, la luna, i fiori e le stelle.

La prima civiltà in Europa si sviluppò a Creta attorno al 2000 AC, e con essa l'uso di profumi e cosmetici così come il commercio di materie prime.

I Greci adoravano i profumi. Era un'arte praticata soprattutto dalle donne che ha avuto il suo riflesso nel bellissimo vasellame per profumeria manufatto ad Atene nel 400-350 AC. Tale vasellame, insieme ad altri pezzi provenienti dalla Sicilia, Corinto e le città greche dell'est, sono esposti nel British Museum. Alcune scuole mediche furono fondate in Grecia nel sesto secolo ed i Greci riverivano Asklepius (Esculapio, dal latino Aesculapius), il dio della medicazione. Ippocrate (460-400 AC), che si ritiene abbia insegnato nel tempio di Esculapio a Cos, è considerato il Padre della Medicina. Aristotele fu la fonte della conoscenza scientifica biologica e fisica dell'epoca e Teofrasto fu probabilmente il primo scrittore greco a trattare della profumeria. Il suo lavoro principale era sulla Botanica, mentre le sue opere minori riguardavano la profumeria dove per esempio, definisce il profumo composto (distinto cioè dal profumo di fiore) come un profumo artificialmente e deliberatamente prodotto. Egli descrisse anche le materie prime impiegate nella preparazione dei profumi. Anche se apparentemente gli antichi Greci non facevano uso del trucco, entro il quarto secolo AC i cosmetici erano ben radicati. Le donne si dipingevano di rosa e bianco: il bianco era di solito piombo bianco, mentre il rosa era fatto di vermiglio o sostanze vegetali. Più tardi il solfuro mercurico fu utilizzato come pigmento al pari del piombo bianco e l'orpimento, un composto dell'arsenico venne usato come depilante. Gli oli fragranti erano impiegati per profumare i capelli che tanto gli uomini quanto le donne usavano tingere. Le sopracciglia erano dipinte di nero ed estese piuttosto vicine l'una all'altra. Gli occhi venivano truccati sia di nero che di verde. Sia agli uomini che alle donne piacevano i capelli biondi e per ottenerli li lavavano con uno speciale unguento proveniente da Atene e li esponevano al sole per ore. Gli uomini di Atene utilizzavano diverse essenze per le diverse parti del corpo, per esempio olio di palma nelle gambe, menta per le braccia, maggiorana per le sopracciglia e timo per le ginocchia ed il collo. I greci si lavavano i denti accuratamente con ramoscelli e succhiavano gomme aromatiche per addolcire l'alito; un altro potere che i greci attribuivano ai profumi era che rendevano in grado di bere più vino. Grosse quantità di sostanze aromatiche venivano anche consumate nelle feste religiose.

I Romani seppellivano i loro morti, ma i profumi venivano usati durante i funerali. Secondo Svetonio al funerale di Poppea, Nerone usò più profumo di quanto l'Arabia potesse produrre in 10 anni. Gradualmente anche le altre abitudini estetiche vennero assorbite dalla Grecia, provenienti specialmente dal sud d'Italia dove i Greci si erano insediati. L'uso dei cosmetici fu anche sviluppato molto (rispetto ai Greci) fino a diventare, in alcuni casi, veramente stravagante, come stravaganti erano talvolta i costumi generali. Otone veniva ridicolizzato da Giovenale per la sua effeminatezza poiché si portava un arsenale di cosmetici e profumi nelle campagne militari e Caligola spese enormi somme di denaro in profumi e si immergeva in bagni profumati dopo le sue eccessive orge. Nella casa di Nerone, chiamata la Casa Dorata, c'erano sale da pranzo con soffitti incastonati d'avorio e tubi d'argento i quali spruzzavano gli ospiti di profumo. I romani inoltre svilupparono bellissimi contenitori di ogni tipo per profumi ed unguenti. I cosmetici a Roma erano essenzialmente di tre tipi: unguenti solidi (chiamati hedysmata), unguenti liquidi (chiamati stymmata) e profumi in polvere (chiamati diapasmata). Anche se si dice che gli Egiziani abbiano inventato i bagni pubblici ed i Greci la doccia, furono i Romani che svilupparono il bagno al punto tale che quelli presenti in edifici pubblici divennero delle specie di circoli sociali. Il processo si svolgeva probabilmente così: il bagnante nudo veniva unto con oli aromatici da uno schiavo, dopo un periodo di violento esercizio fisico, andava dentro una camera di vapore dove il corpo veniva raschiato con un utensile metallico per rimuovere l'eccesso di olio e lo sporco dovuto alla sudore, il bagnante andava quindi un una camera tiepida (entro una vasca con acqua calda) ed infine in una piscina di acqua fredda. La combinazione degli oli e dei bagni forniva un'eccellente dermo-purificazione. Il termine "sapone" viene anch'esso dai Romani che chiamavano sapo una pietra trovata vicino a Roma ed utilizzata in modo generico per pulire. Nonostante ciò, quello che noi oggi chiamiamo sapone fu preparato per la prima volta dai Fenici nel 600 AC e le prime produzioni industriali nacquero in Germania ed in Italia solo nel 900 DC e furono da qui introdotte in Francia, Spagna ed Inghilterra. A parte il profumo i Romani amavano il trucco, usavano il carbone per truccarsi gli occhi, il fucus (un colore rosso) per le guance e le labbra, lo psilotro come depilatorio, la farina d'orzo ed il burro come cura per i brufoli e la pietra pomice per sbiancare i denti. Inoltre si tingevano i capelli di moro e di biondo seguendo la moda del momento. Infine, curavano le rughe con misture astringenti, indossavano denti finti, sopracciglia finte e ciglia finte. La letteratura scientifica dell'epoca rinforzò il legami tra medicina e cosmetici: Celso, un medico, si interessò di condizioni della pelle e dei capelli nel suoi libri, Plinio il Vecchio e Dioscoride scrissero di cosmetici oltre che di chimica e biologia e Galeno, che scrisse su molte branche della farmacia e della medicina è ricordato per aver formulato il ceratum refrigerans, letteralmente la cera rinfrescante o "cold cream".



L' unificazione dell'Arabia cominciò quando Maometto fondò un movimento religioso nel 625 DC che finalmente legò Siria, Persia ed Egitto con l'India dove era già operativa una scuola medica avanzata e dove la cosmetica e l'igiene della popolazione, specialmente nelle donne, era molto raffinata. Si massaggiavano l'intero corpo con pasta di mandorle ed altri oli prima del bagno e facevano uso sia del trucco per il viso che delle tinture per capelli. Erano tempi in cui si cercava di mantenere un buono stato di salute generale attraverso l'adozione di buone norme igieniche. I cosmetici erano usati allo scopo di correggere o prevenire le malattie, non solo per coprire gli inestetismi. Durante l'ottavo e nono secolo furono compiuti importanti progressi nella sperimentazione di nuovi materiali, inclusa la distillazione di piante medicamentose provenienti dall'India. Nel decimo secolo un medico Arabo chiamato Avicenna tentò di distillare le essenze dei fiori. Fu in grado di isolare l'aroma di rosa e produsse l'acqua di rosa che divenne in seguito un importante bene commerciale arabo. Altri chimici Arabi, Persiani, Spagnoli ed Italiani svilupparono ulteriori metodi di distillazione e preparazione di piante medicamentose. La distillazione dell'alcool fu inventata nell'Italia del Nord intorno al 1100 DC e grazie a questa scoperta estrazioni di principi più puri divennero possibili. In precedenza, infatti, profumieri come i Romani immergevano i fiori nel vino per ottenere le essenze. Nel frattempo, durante i cosiddetti anni bui, in Europa la crescita dei monasteri aveva diffuso la scoperta dei medicinali ed altri usi di molte piante.

Nella prima era Cristiana la maggior parte delle informazioni riguardanti i cosmetici provenivano dal clero, e, anche se erano indubbiamente usati, venivano condannati come cosa adatta solo alle prostitute.

Nel decimo ed undicesimo secolo una importante scuola medica fu fondata e divenne operativa a Salerno nel sud dell'Italia e viene considerata la più antica scuola medica universitaria d'Europa (la prima università moderna comprendente diverse facoltà nacque a Bologna alcuni anni più tardi). Alcuni fra i più brillanti studiosi Cristiani dell'epoca vennero attratti a Salerno per studiare ed insegnare e lì nacque la prima farmacopea riconosciuta che annoverava l'identificazione e l'uso di 150 piante medicinali. Con il declino dell'Impero Maomettiano nell'undicesimo secolo, l'egemonia culturale passò alla Spagna poi alla Francia e si arricchì della cultura Araba. Un aspetto positivo delle Crociate fu che i profumi e gli articoli da toeletta utilizzati negli harem dell'est furono introdotti nella cultura occidentale.

Nel dodicesimo secolo i re, i nobili e gli ecclesiastici gareggiavano l'uno con l'altro nel costruire nuove città in Europa e nello stabilire nuove vie commerciali, così facendo spronarono la vendita di profumi e cosmetici e si scambiarono costumi e mode.

Dal sesto al tredicesimo secolo la Cina fu la massima potenza mondiale e la cultura cinese fu il più grande splendore del mondo di quegli anni. Lì la Scienza e la Tecnologia erano di gran lunga più avanzate che nel resto d'Europa, ma i trasporti da e per la Cina erano alquanto scadenti. Nel tredicesimo secolo la conquista da parte dei Mongoli e la formazione del loro vasto impero migliorò le comunicazioni via terra dalla Cina al Mar Nero ed aprì la strada a scambi di missionari e viaggiatori tra Est ed Ovest. Il più importante di questi ultimi fu Marco Polo, un Veneziano che descrisse le Meraviglie delle civiltà orientali. Una nuova via commerciale fu sviluppata per portare ginger, piante medicinali, profumi aromatici e porcellane via terra a Samarcanda e o a Mosca o a Bagdad alternativamente, oppure da Costantinopoli a Venezia. Lo scambio di beni avveniva principalmente nelle fiere periodiche che erano sorte durante il medioevo. Dopo il 1123 Venezia e più tardi Genova controllavano una flotta mercantile che faceva spola tra i porti del Mediterraneo e, attraverso lo Stretto di Gibilterra fino all'Inghilterra. Con le esplorazioni Spagnole dell'America e l'arrivo dei Portoghesi in India e lontano oriente, il commercio diventò globale per la prima volta nella storia. Lo sviluppo delle vie commerciali fu strettamente legato allo sviluppo della scienza cosmetica e dell'uso di tali prodotti in questo periodo storico. A partire da Bologna, le Università sorsero in tutta Europa ed in particolare in una di queste, a Montpellier nel sud della Francia, gli intellettuali vennero attratti numerosi e la sua scuola medica divenne la più famosa d'Europa, anche se nuove idee sulla medicina e la chirurgia furono introdotte in Francia dall'Italia durante il tredicesimo secolo. La cura della pelle e l'igiene erano importanti argomenti di studio e nel 13-14° secolo Henry de Mondeville introdusse per la prima volta la distinzione fra trattamenti per la pelle malata ed i cosmetici e belletti.



In Europa la richiesta di profumi portò presto nel 1508 alla manifattura di profumi naturali da parte dei Frati Domenicani nel monastero di Santa Maria Novella a Firenze. Più tardi creme ed aceti da toeletta furono prodotti e vennero ampiamente utilizzati dalle dame delle corti Toscane. Con il crescere della ricchezza in Europa, le fiere internazionali lasciarono posto a mercati più permanenti, dove avveniva la vendita di profumi, spezie e sostanze aromatiche; Venezia, oltre a divenire uno dei luoghi più famosi per lo sviluppo di profumi divenne un importante centro artistico ed il cugino di Tiziano, Cesare Vercellio, descrive una formula attraverso la quale le dame potevano ottenere la bella tintura dei capelli chiamata "capelli file d'ore": 2 libbre di allume, 6 once di zolfo nero e 4 once di miele distillato con acqua. Dopo aver sciacquato i capelli con questa preparazione era necessario sedersi sul tetto piatto della casa e lasciare che il sole facesse la sua azione. Con il crescere del commercio le corti Reali d'Europa divennero ricche ed influenti ed avvenne un reciproco scambio tra le loro mode stravaganti. L'ossido di ferro e talvolta il solfuro di mercurio erano usati per truccarsi di rosso, mentre il carbonato di piombo serviva come polvere per il viso (fondo tinta), tuttavia il truccarsi gli occhi era considerato di cattivo gusto nei paesi occidentali dell'epoca. Quando Caterina de Medici, Veneziana, sposò Enrico II di Francia nel 1533 (all'età di 9 anni) portò nella propria corte dall'Italia il suo astrologo e alchimista Ruggiero, oltre al suo profumiere Renato Bianco, noto come René il Fiorentino. Costui divenne presto molto famoso ed aprì a Parigi un negozio di successo che vendeva profumi, polveri, pomate e cosmetici per le dame della corte e la ricca aristocrazia. Mary, regina di Scozia, che trascorse la sua adolescenza in tale corte francese, apprese la ricetta per un bellissimo trattamento. Questo consisteva nel lavarsi il viso con acqua bollente e successivamente con il vino per renderlo colorito. Si narra anche che fosse solita farsi il bagno con il latte. Essa introdusse molte delle abitudini e tendenze della corte francese durante il suo regno in Scozia. L'Interesse per i profumi raggiunse l'Inghilterra, trasferitovi dall'Italia, durante il regno della Regina Elisabetta I, che incoraggiò fra le donne inglesi l'uso di fiori ed erbe per profumare le case e l'uso di lozioni e pomate profumate. Un preparato fatto con latte di mandorle, limone e miele venne utilizzato per proteggere e sbiancare le mani, una lozione di olio di rosmarino, camomilla, saggina, timo, southerwood e chiodi di garofano aiutava invece i capelli a crescere grossi e luminosi.

Verso la fine del secolo molte delle grandi case avevano una stanza dedicata dove le dame preparavano da se i loro cosmetici. La maggior parte delle persone tenevano sacchetti di seta colorata o di lino in tasca o appesi alla cintura, questi venivano poi riccamente profumati con petali di rosa mescolati al muschio, laudano, benzoino e calamo. Furono inoltre sviluppate molte ricette per sbiancare i denti, e nascondere o curare i brufoli.


Fu nel diciassettesimo secolo che la medicina cominciò ad occuparsi dei disturbi della pelle, dei denti e delle unghie e non più solo di cosmetici decorativi. Vari paesi introdussero leggi che controllavano l'uso dei più comuni veleni. Una di queste fu fatta in Italia dove una donna di nome Teofania gestiva una scuola che insegnava alle donne l'uso dei veleni. Costei aveva preparato una lavanda cosmetica che non solo schiariva la pelle, ma poteva anche essere usata per liberarsi dei propri nemici: conteneva arsenico, il veleno preferito dei Medici. Fu impiccata nel 1633 dopo che le fu attribuito l'assassinio di 600 mariti. Di li a poco venne approvata una legge che richiedeva la registrazione per l'uso e la vendita dei veleni.

Durante la prima metà del secolo le donne utilizzavano i cosmetici apertamente e talvolta se li preparavano da sole. Il cerone, una pittura color carne o rosa pallido, fatta con il piombo bianco, veniva utilizzata in abbondante spessore sulla pelle per coprire le righe del viso e del collo. Il vermiglio veniva adoperato come rossetto. Occasionalmente le sopracciglia venivano inscurite e una crema blu, marrone o grigia veniva utilizzata per decorare le palpebre superiori. Le Greci e le Turche, insieme alle donne che vivevano negli harem del medio e lontano oriente usavano il carbone per mettere in risalto gli occhi e le sopracciglia che venivano fatte riunire nel mezzo formando così una sola linea. Gli uomini erano soliti truccarsi con moderazione all'inizio del secolo, ma nella seconda metà divennero appariscenti ne più ne meno che le donne. In quel tempo un viso carnoso era di gran moda, con labbra e guance rosse e occhi prominenti, sopracciglia scure, capelli scuri e doppio mento. Le dame che volevano un colorito roseo richiamavano il sangue in superficie con una lozione preparata facendo bollire la gomma di benzoino in spirito di vino. L'igiene e la sanità non erano molto avanzate, anzi le loro condizioni contribuirono alle epidemie di peste del diciassettesimo secolo. Le case comuni non avevano il bagno, ma vasche di legno venivano portate dalla servitù nella camera da letto e riempite, mescolando acqua calda e fredda, pertanto la conquista di mantenersi puliti era tediosa. La legge di Galanteria del 1640 raccomandava di farsi il bagno solo occasionalmente e di lavarsi le mani ed il viso ogni giorno. Soprattutto nelle grandi città come Londra, dove mezzo milione di persone vivevano a stretto contatto in scarse condizioni igieniche, c'erano le premesse per il diffondersi delle malattie. Dopo i pasti, seguendo le usanze Francese ed Italiana, venivano spruzzati dei profumi in abbondanza per coprire i cattivi odori. I cortigiani tenevano fazzoletti profumati sotto il naso e succhiavano gomme aromatiche per correggere l'alito pesante. Durante la Grande Peste cannella, ginepro, lavanda e cardamomo venivano bruciati per le strade e nelle case nella convinzione che la peste fosse portata dall'aria.


Verso l'inizio del secolo l'aspetto pallido con il viso color porcellana era preferito, nonostante l’usanza di colorarsi le labbra di rosso rimase in voga fino alla Rivoluzione Francese.

In Inghilterra erano solo le prostitute ad imbellettarsi abbondantemente di color rosato, con labbra ben rosse, ma in Francia, stando ai racconti dei viaggiatori, le dame rispettabili si dipingevano le labbra, le guance, le sopracciglia e perfino le spalle, mentre le prostitute erano pallide. Verso il 1760 gli uomini usavano il rossetto, si inscurivano le sopracciglia e usavano il profumo. Anche i bambini venivano imbellettati di color rosato. Durante questo secolo cominciò ad essere utilizzato nei cosmetici il sotto-nitrato di bismuto poiché era più bianco degli ossidi di stagno e piombo.

La parrucca cotonata completa era ancora di moda per gli uomini all'inizio del secolo, ma quando i giovani cominciarono a schiarirsi i capelli, divenne di moda oltre che più semplice impomatarseli anziché indossare parrucche. I medici e i giudici continuarono comunque ad indossare la parrucca fino a secolo inoltrato. La cera d'api e gli oli vegetali venivano utilizzati come unguenti per i capelli o come brillantine, mentre per renderli bianchi venivano successivamente cosparsi di farina. In Inghilterra nel 1795 la penuria di farina divenne così drammatica che fu introdotta una tassa sul suo uso per i capelli. Questo insieme al fatto che numerose teste impomatate erano state mozzate durante la Rivoluzione Francese porto al declino di tale moda oltraggiosa.

L'ampio utilizzo di cosmetici ed altri ornamenti da parte di quasi tutte le classi sociali portò nel 1770 all'introduzione di un Atto Parlamentare (che tuttavia non fu approvato) che proteggesse gli uomini dall'adescamento da parte di donne in cerca di marito. l'Atto proposto stabiliva che: "... tutte le donne di qualsiasi età, rango o professione, sia vergini che abbandonate o vedove, che avessero sedotto e tratto in matrimonio un uomo utilizzando profumi, pitture, lozioni cosmetiche, denti artificiali, capelli finti, sospensori metallici, busti, scarpe con i tacchi alti, fianchi steccati saranno da trattare come truffatrici ed il matrimonio verrà annullato o considerato privo di valore".

Nonostante i farmacisti in tutta Europa vendessero le materie prime ed alcuni oli vegetali e profumi, non tutti i cosmetici venivano preparati in casa. Piazzisti ambulanti vendevano prodotti di bellezza profumati di ogni genere che vantavano proprietà stravaganti. La parola "ciarlatano" fu coniata in questo periodo per alcuni di questi piazzisti e deriva dalla parola ciarlare (chiacchierare).

A Parigi ed in altre città d'Europa vennero aperti negozi che vendevano solo profumi e cosmetici. Nel 1710 fu messa a punto una formulazione da un italiano, Fermini, che aveva uno di questi negozi a Colonia e fu chiamata Acqua di Colonia. Venne inizialmente commerciata come rimedio farmaceutico contro tutti i mali ed elisir di lunga vita, ma divenne popolare solo come profumo ed è ancora utilizzata oggi. Conteneva estratti di erbe ed oli essenziali di agrumi. Negli anni seguenti diverse formulazioni vennero messe a punto, tutte basate su un ristretto numero di oli essenziali derivati da fiori, gomme e resine. In quegli anni l'abilità di ottenere oli essenziali dai fiori venne notevolmente sviluppata grazie all'opera del Francese Antoine Horbot.

La pubblicità sui cosmetici venne introdotta in questo secolo, dapprima attraverso volantini distribuiti a mano, poi sui giornali, man mano che questi venivano fondati sia in Europa che in America.


La fase meccanica della Rivoluzione Industriale iniziò con lo sviluppo del motore a vapore in Gran Bretagna. Questo, insieme allo sviluppo della chimica e, come conseguenza, alla maggiore disponibilità di materie prime, portò alla produzione industriale dei cosmetici. La natura chimica dei saponi fu elucidata dal francese, M. E. Chevreul e William Colgate che aveva avviato una fabbrica di saponi e candele nel 1807, fu uno dei primi a beneficiare del lavoro di Chevreul. La disponibilità di nuove materie prime rese possibile una maggiore varietà ed una diminuzione dei costi nella produzione dei cosmetici. Diversi coloranti furono preparati in questi anni, l'Alizarina venne isolata dalla robbia (rubia tinctorium, una pianta già utilizzata dagli Egiziani per colorare) nel 1826 e fu sintetizzata nel 1869. Il lavoro di Thomas Graham sui colloidi e la scoperta della borace in California e Nevada resero possibili passi avanti nella manifattura della Cold Cream, correggendone l'instabilità presente nella formula di Galeno. Le Farmacie, oltre alle droghe e medicine, vendevano ogni tipo di prodotto o ingrediente cosmetico e poco più tardi sorsero industrie farmaceutiche che producevano anche cosmetici. Eugene Rimmel fu il primo ad impiegare le donne nella sua fabbrica di profumi. La Francia era impregnata di neoclassicismo che si ispirava all'antica Grecia.

Come spesso accade nel periodo successivo ad una guerra, quando la moda neoclassica passò dalla Francia all'Inghilterra con Giorgio IV, si assistette ad un generale permissivismo e ad un allentamento dei costumi morali. I corsetti vennero messi da parte e i vestiti divennero morbidi e fluenti indossati su una ridotta biancheria intima. Le scollature erano ampie, mostrando più seno di quanto ne coprissero, ed i cosmetici divennero così di moda che alcune donne si dipingevano perfino i capezzoli. Lo stesso Giorgio IV vestiva colori brillanti, indossava il corsetto e si profumava profusamente. Poi gradualmente l'uso dei cosmetici si allentò con Guglielmo IV ed il viso pallido tornò nuovamente di moda fra le giovani donne. Sotto la Regina Vittoria gli uomini portavano i capelli tagliati corti e si radevano il viso finché barba e baffi divennero di moda intorno al 1860, l'olio di macassar veniva usato per tenere sotto controllo i ciuffi di capelli ribelli e questo diede origine all'uso di protezioni anti-macassar negli schienali delle sedie. Per le donne erano "in" le cinture strette portate all'altezza naturale e camicie a maniche lunghe fabbricate con materiali comodi. Parimenti lo era l'aspetto pallido ottenuto ricoprendosi il viso con polvere bianca accentuandone l'effetto sottolineando le vene di blu. Le pomate per le labbra furono introdotte nel 1828 da Guerlain in Francia, ma l'uso di tali ausili cosmetici in Inghilterra durante l'era Vittoriana divenne sempre più discreto. Si anelava alla bellezza naturale e solo pochi artifici era consentiti. In Europa e America le Dame utilizzavano ancora l'ossido di piombo e il sotto-nitrato di bismuto come polveri sbiancanti ma con l'avvento dell'illuminazione a gas, il primo diventava giallo ed il secondo grigio. Pertanto in America intorno al 1865 furono sostituiti dall'ossido di zinco che è ancora usato oggi, essendo molto meno tossico che i composti di piombo o bismuto. Il primo cosmetico di larga vendita negli Stati Uniti fu il talco (silicato di magnesio), convenientemente profumato e venduto in lattina. Veniva utilizzato su tutto il corpo. Poiché le donne dell'epoca Vittoriana erano limitate nell'uso dei cosmetici, si concentrarono sui capelli. Unguenti e pomate profumati per capelli, parrucche, tinture, ecc. erano molto popolari. Lo studio degli oli essenziali ricevette un impulso dalla classificazione botanica delle piante ed il loro uso crebbe grazie alla nascita delle fabbriche di bibite. Nuovi distintivi aromi vennero creati da profumieri creativi. Numerosi saponi medicati vennero inoltre introdotti sul mercato, sia per uso igienico che cosmetico.


Nel 1900 Parigi era ancora una volta il centro della moda e la sua atmosfera influenzò l'Inghilterra durante il regno di Edoardo VII. In quegli anni il maquillage era usato in modo molto discreto e non da tutti una spolverata con polvere di talco era generalmente consentita. Gradualmente tutto divenne meno castigato. Le prime industrie cosmetiche cominciarono ad essere fondate, oltre che a Parigi, anche in altre città d'Europa ed in America: nel 1901 la Gilette Company fu fondata a Boston e cominciò a commercializzare rasoi da barba di sicurezza e saponi da barba, nel 1907 Helena Rubinstein si trasferì dall'Australia a Londra ed aprì un salone di bellezza dando vita ad una linea di cosmetici, poco più tardi, nel 1910, Elizabeth Arden iniziò la sua attività in America. Nel 1910 Roger e Gallet produssero il primo stick da labbra contenuto in un cilindretto di cartoncino, mentre lo stesso stick, contenente un profumo più costoso e contenuto in un cilindro di metallo fu disponibile qualche anno più tardi nelle farmacie.

Durante questi anni la moda adottata dalle stelle del cinema iniziò ad essere copiata ad ogni spettacolo cinematografico. Tra le due Guerre le industrie di prodotti cosmetici e da toilette fiorirono in America, nonostante la convinzione che i cosmetici ed i profumi francesi ed italiani fossero i migliori. Anche la maggiore disponibilità di materie prime costituì un grosso vantaggio in quel luogo. In quegli anni ed in quelli immediatamente successivi gli ingredienti utilizzati nell'industria cosmetica erano quelli scoperti in altre industrie e per i quali la purificazione per uso umano e la possibilità di un vasto mercato potenziale come quello dei cosmetici costituiva un'attrattiva economica. Infatti il generale sviluppo industriale e la scoperta di numerose materie prime nuove costituirono una importante fonte di ispirazione per lo sviluppo di moderni cosmetici. La ricerca e lo sviluppo vennero impiegati in tutti i tipi di prodotto, dai coloranti per capelli ed i prodotti per l'acconciatura ai profumi e deodoranti, ma probabilmente la vera novità di inizio di secolo fu la nascita dei prodotti abbronzanti e delle protezioni solari. Queste nacquero da un rifiorire dell'idea che la luce del sole possedeva poteri curativi nei confronti dell'anemia, ecc., rifacendosi alle teorie della scuola di Erodoto nell'antica Roma. Gradualmente nel ventesimo secolo si assistette ad un capovolgimento della passione Vittoriana per la modestia ed il pudore dove ogni parte del corpo doveva essere coperta a alle donne veniva consigliato di non esporsi al sole se volevano conservare una bella pelle. Nel 1930 i bagni di sole divennero il passatempo nazionale in Inghilterra ed un corpo molto abbronzato era segno di buona salute. Gradualmente una sempre maggiore esposizione del corpo divenne permessa e di moda ed inevitabilmente le scottature da sole costituirono un problematico rovescio della medaglia. Così, in aggiunta alle cure mediche, diverse preparazioni cosmetiche in forma di creme ed oli vennero introdotte sul mercato per prevenire la spellatura e mantenere una intensa abbronzatura.

Una delle maggiori conquiste della seconda metà del secolo fu l'introduzione di una regolamentazione per i cosmetici e i prodotti da toilette con lo scopo di garantirne la sicurezza per l'uomo. Anche l'idea di cosmetico divenne sempre più matura col passare del tempo. Negli anni sessanta e settanta ad un prodotto cosmetico veniva richiesto di essere tecnicamente ben fatto e di non contenere ingredienti pericolosi per la salute. I cosmetici, al contrario dei prodotti farmaceutici, non dovevano possedere assolutamente nessuna proprietà tranne quella di migliorare l'aspetto di chi li utilizzava. Avevano cioè un ruolo meramente estetico. Negli anni ottanta e novanta i cosmetici cominciarono ad essere considerati come un importante aiuto per la cura personale. Sono passati, cioè, dal ruolo di semplici palliativi estetici al ruolo di prodotti funzionali in grado di contribuire al mantenimento della salute (se non altro alla salute della pelle e all'igiene), così da consentire il raggiungimento o il mantenimento della bellezza. Coprire le rughe è di minor valore rispetto a prevenirne la formazione o ridurre realmente quelle esistenti. La BeC è stata fra le prime ditte in Europa a credere in questo approccio.